Featured

Cagliari-Monaco: Botta Dritta e Furibonda in lotta all’isola di Soffi

Cagliari– E’ il duello tra Botta Dritta e Furibonda, a tenere banco nella prima edizione della regata velica d’altura internazionale “Cagliari – Monaco”, inserita nella manifestazione “Cagliari-Montecarlo sea week” e organizzata dalla Lega Navale Italiana sezione di Cagliari insieme con lo Yacht Club Porto Rotondo e lo Yacht Club Monaco, sotto l’egida della Federazione Italiana Vela. Dieci le barche iscritte.

Botta Dritta all’isola di Soffi

La regata, partita ieri pomeriggio da Cagliari, ha fatto anche oggi i conti con il forte Maestrale, che ha impegnato duramente gli equipaggi sin dalla serata di ieri e per tutta la notte. Nell’ultimo aggiornamento delle ore 18 di oggi, i primi della flotta hanno già oltrepassato il cancello naturale posto all’altezza dell’isola di Soffi.

Botta Dritta (armatore Adalberto Miani) e Furibonda (Giancarlo Vedelago), tra le concorrenti più esperte di navigazione d’altura, hanno attraversato il cancello già questa mattina, superando il tratto di mare antistante le Bocche di Bonifacio nel pomeriggio, con il vento al traverso e una velatura ridotta, per procedere al riparo della costa orientale corsa. Poi è toccato a Mariella, splendido yawl del 1938 (armatore Carlo Falcone) superare Porto Rotondo e tenersi in scia al duo di testa.

Più attardate, comunque sulla rotta e in piena battaglia, le barche più piccole. Free Emotions (Marco Fadda), Preferisco (Luciano Cau) e Revolution (Riccardo Bandino), quest’ultima barca portacolori del Comune di Cagliari, sono attese al cancello attorno alla mezzanotte di oggi, quando il vento darà una tregua.

E’ stata invece chiamata al ritiro Ginevra (Simone Camba), a causa della rottura delle vele per le forti raffiche. Dopo aver riparato in sicurezza a La Caletta, ha già intrapreso il rientro a Cagliari.

La rotta dei concorrenti si può seguire in tempo reale, per tutta la durata della regata, al link di tracking https://moments.tractrac.com/go/8986

Articoli Correlati

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *